Le nuove etichette energetiche

A partire dal 2021, l’etichetta energetica di frigoriferi, lavatrici, lavasciuga e lavastoviglie è stata rinnovata, in linea con i nuovi regolamenti. I segni “più” sono stati abbandonati per tornare alla scala A-G originaria, in modo da orientarsi più facilmente. Il nuovo sistema di valutazione utilizza soltanto una scala dalla A alla G.



Perché le etichette energetiche sono cambiate?

Introdotte per la prima volta 20 anni fa, le etichette di efficienza energetica attribuivano a un prodotto una A, in caso di massima efficienza energetica, o una F, in caso di bassa efficienza, e hanno incoraggiato i produttori a promuovere l’innovazione attraverso l’uso di tecnologie sempre più efficienti dal punto di vista energetico. Con il tempo, lo schema si è evoluto fino a includere le classi A+, A++ e A+++, generando però confusione tra i consumatori.

A partire dal 2021, le classi A+, A++, A+++ per frigoriferi (inclusi i modelli con cantina), lavatrici, lavasciuga e lavastoviglie sono state eliminate; il nuovo sistema di valutazione utilizza soltanto una scala dalla A alla G. Le nuove regole valgono sia per i consumatori europei che per alcuni Paesi extra UE (ad es. Norvegia, Svizzera).



Cosa è successo?

Le nuove etichette hanno la loro comparsa nei punti vendita dal 1° marzo 2021. Già da settembre 2020, però, in caso di acquisto di un frigorifero, una lavatrice, una lavasciuga o una lavastoviglie, testati secondo la nuova normativa avevano al loro interno la nuova etichetta , inclusa nella confezione insieme a quella vecchia.

Un elemento caratteristico delle nuove etichette è la presenza di un codice QR, scansionabile con uno smartphone, che fornisce ai consumatori informazioni aggiuntive e ufficiali (non commerciali). Questi dati, disponibili per tutti i cittadini europei, sono contenuti nel database EPREL dell’Unione europea.


Come funzionavano le vecchie etichette

Fino a marzo 2021, la scala di valutazione dell’efficienza energetica andava da A+++ (massima efficienza) a G (bassa efficienza) e teneva in considerazione soltanto i seguenti fattori: • Consumo energetico • Capacità di carico • Presenza o meno di scomparto freezer


Come funzionano le nuove etichette

Per la prima volta, le etichette energetiche mostrano non soltanto il consumo energetico, ma anche elementi in linea con il miglioramento della sostenibilità in generale. In base al tipo di prodotto, la legislazione UE sulla progettazione eco-compatibile include informazioni su fattori quali: • Riparabilità • Riciclabilità • Manutenzione • Ri-utilizzabilità • Possibilità di upgrading • Trattamento dei rifiuti degli apparecchi




2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti