Come pulire la lavastoviglie: rimuovere i residui e igienizzare


"La lavastoviglie è un elettrodomestico sottoposto a notevole usura, dal momento che ogni giorno effettua uno o più lavaggi (a seconda della numerosità del nucleo familiare).


Per questo motivo è bene pulirla e disinfettarla, rimuovere residui di sporco, calcare e cattivi odori. Ecco quindi come pulire la lavastoviglie utilizzando detergenti naturali come bicarbonato di sodio e aceto, evitando i detersivi che in quanto ricchi di sostanze chimiche potrebbero essere rischiosi per la salute.


Come pulire la lavastoviglie con il bicarbonato


Il bicarbonato di sodio è consigliato sia per pulire la lavastoviglie che per lavare le stoviglie stesse durante i lavaggi. Infatti potete cospargere una manciata di bicarbonato in polvere sul carico e poi azionare il lavaggio usuale

Per pulire la lavastoviglie con il bicarbonato di sodio vi basterà inserirne 50 grammi e farle fare un ciclo a vuoto. Il bicarbonato agisce sgrassando, deodorando e prevenendo eventuali cattivi odori. Questo tipo di lavaggio è consigliato una volta al mese e anche come prelavaggio in caso di un prolungato periodo di inutilizzo.



Pulire la lavastoglie con l’aceto


L’aceto è ottimo per rimuovere il calcare: prendete un panno imbevuto di aceto di vino bianco, passatelo sulla superficie da trattare, lasciatelo agire per qualche minuto, quindi sciacquate e asciugate. Periodicamente inoltre vi consigliamo di pulire a fondo la lavastoviglie con l’aceto: per fare ciò è sufficiente versare nella macchina un litro di aceto di vino bianco puro e far fare un ciclo a vuoto. L’aceto ha proprietà detergenti, igienizzanti ed è un ottimo alleato per neutralizzare i cattivi odori (es. uova, pesce e aglio).



Rimuovere residui e sporco ostinato dalla lavastoviglie


Talvolta i cattivi odori nella lavastoviglie restano poiché provengono da residui di cibo rimasti intrappolati nelle guarnizioni e nelle piccole fessure dell’elettrodomestico stesso.

Se ve ne accorgete tempestivamente il trattamento con l’aceto solitamente è sufficiente. Quando invece i residui si sedimentano nel filtro, nello scolo o nelle guarnizioni, la pulizia della lavastoviglie diventa più complessa. A questo punto bisognerebbe smontare le guarnizioni, lo scolo, i tappi (come quello del sale) e pulire a mano rimuovendo lo sporco.

Se non siete pratici rivolgetevi ad un esperto oppure provate ad impiegare prodotti sgrassanti e decalcificanti specifici.



Manutenzione della lavastoviglie: consigli sempre utili


Quello che dovreste fare sempre per una lavastoviglie bella e funzionale nel tempo è lasciarla raffreddare alla fine del ciclo di lavaggio. Cercate di non aprirla immediatamente dopo, in quanto il vapore che si sprigiona nel tempo potrebbe gonfiare il top sovrastante. Se per caso fosse necessario aprire l’anta a fine lavaggio senza aver fatto raffreddare la lavastoviglie, aprite l’anta completamente per non localizzare il vapore sul top o ai lati delle ante adiacenti.


#cucine #stosa #casa #pulizia

16 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Via Chioso 1, Villa d'Adda (BG)
Via Cava di Sopra 7/9, Caprino Bergamasco (BG)